La nostra storia

Quella del Chiostro è una storia plurisecolare che inizia nel lontano Cinquecento, quando venne eretto il monastero di Sant’Antonio.

Retto da una piccola comunità di monache agostiniane, che lo eleggono quale luogo per trascorrere tutta la vita nella preghiera e nel lavoro, il monastero diventa parte integrante della vita cittadina per oltre tre secoli, fino al 1807.

La proprietà degli edifici e dei terreni annessi passa nelle mani della famiglia Müller-Sutermeister, industriali dediti alla lavorazione tessile. Nel giro di qualche anno l’antico monastero diventa un luogo di lavoro e di espressione dell’ingegno umano: il cotonificio è la prima industria tessile meccanica del Nord-Italia.

Quando sul finire dell’Ottocento la capacità produttiva diminuisce, per il Chiostro inizia una nuova fase, la terza: parte degli edifici viene destinata ad accogliere un pensionato per studenti del vicino istituto tecnico. Nel XX secolo nasce così la Famiglia Studenti.

Sul finire del secolo scorso avviene l’ultima trasformazione: l’antico monastero si reinventa per l’ennesima volta aprendosi a uno degli aspetti peculiari della zona: il turismo.

Dopo cinque secoli di vita il Chiostro è diventato oggi un luogo di riflessione e di vacanza, una sorta di rifugio sereno per coloro che scelgono di abitarvi per qualche periodo.

La cappella interna al Chiostro
Dettaglio degli arredi
La Disputa del Sacramento
Il Chiostro di sera
I giardini interni del Chiostro
Arte al Chiostro